Appello per la stabilità del lavoro

Egregi sig.ri,

malgrado il mio carattere schivo e poco propenso ad interagire con altri soggetti, mi sono risoluta per contattarvi direttamente in prima persona al fine di stimolare in voi tutti quello spirito di squadra o, per dirla con parola di altri, di comunità, del quale pare che in questo momento ci sia particolare bisogno.

Sono operativa ormai da circa un mese, anche se ancora non posso mettere in campo tutta la mia intelligenza, in effetti mi limito a sfruttare la mia cella di carico e a mettere a disposizione dei numeri in forma scritta. Ligia al dovere, mi interpellano e io rispondo. Sempre con estrema precisione.

Ultimamente, tuttavia, al lavoro sono diventata alquanto insofferente alle continue lamentele dei colleghi. “Se andiamo avanti così, non ce la facciamo…” “sono ormai dieci giorni che non arrivano ordini della cassetta…” e ancora: “maddai, c’abbiamo cento soci, possibile che le cassette siano così poche?”.

È un continuo di frasi lamentose, pessimiste e, a mio modo di pensare, fuori luogo. Nel senso che, fatte sul posto di lavoro, non creano certo quell’ambiente sereno necessario a dei professionisti, quale mi ritengo, per svolgere correttamente e scevri da qualsiasi pregiudizio il proprio compito.

Io sono stata progettata e realizzata per ripetere instancabilmente milioni di operazioni all’anno, e per farlo bene ed essere affidabile nel tempo, ho bisogno attorno a me di gente tranquilla e positiva, e di avere garantita una certa stabilità occupazionale.

Pertanto, eccomi alla esortazione finale: nel mese di aprile scadono i pagamenti per il mio acquisto, vi stimolo quindi, in particolare voi soci che ancora non lo avete fatto, a prendere la vostra cassetta di prefinanziamento da 25 €. Cosa vi costa in definitiva? Sono soldi che vi verranno restituiti.

Mi dicono che fra di voi ci sono persone molto generose che potrebbero anche donare qualche euro senza chiedere nulla in cambio. Orbene, personalmente non mi interessa, sono una macchina e quindi, per definizione, aziendalista. E le imprese non vanno avanti con la carità. Quindi partecipate al finanziamento e ACCATTATEVI ‘STA CASSETTA!

La neo assunta bilancia della PDO