Agglomerato di pixel del 19 agosto 2015

Anche oggi non sono me stesso. Alla terza settimana senza le mie cassette, ho delle crisi di identità. Su questo monitor asettico sul quale mi leggete, non sono altro che un ammasso di pixel buttati giù in qualche modo, e pure in ritardo.

Questa mattina prima di sparpagliare questi pixel, ho fatto la voltura telefonica di un contratto per una utenza domestica. Durante l’inevitabile attesa che accompagna tutti i numeri verdi di questo mondo, il risponditore automatico mi ha messo di fronte in pochi minuti a tutta la potenza di fuoco della visione che il modello capitalistico ha saputo creare nell’ultimo secolo della nostra storia.

I proiettili sono parole, che ci invitano inesorabilmente a seguirne la traiettoria, e sono sparati a raffica: la frase veniva ripetuta sempre uguale e sarebbe andata avanti all’infinito se l’operatore ad un certo punto non avesse iniziato a fare il suo lavoro. Frase che non ricordo esattamente, breve, forse trenta parole in tutto. E tra queste, i proiettili, di vario calibro sebbene uscissero da una unica arma:
SCONTI, PREMI, VIAGGI, DIVERTIMENTO, GRATIS, LIBERTÀ.
omino_lego_spara

E chi non si farebbe trafiggere il petto da cotanta visione, il dolore surclassato dagli immensi piaceri evocati?

Insomma, si riduce tutto ad una battaglia di parole il cambio di paradigma?
E, soprattutto, quali sono le parole-proiettile cui l’Economia Solidale intende affidare l’arduo compito di creare una nuova visione, sterminando di piacere quante più persone possibile?

Ovviamente non è così, quando si parla di SCONTI, il consumatore sa benissimo che questo proiettile reca con sé un fatto concreto, che potrà toccare con mano; così pure come quando si parla di PREMI, il consumatore vede già l’oggetto, il manufatto da toccare e portare a casa propria. Quando noi diciamo SOLIDALE, che genere di proiettile spariamo? Siamo sicuri che la gente percepisca la concretezza che gli soggiace e che può evocare tale parola?

PARTECIPAZIONE-MUTUALITÀ-BENICOMUNI-DECRESCITA-BARATTO-RECUPERO-MONETALOCALE-COMUNITÀ-GAS!
Vi ho steso con questa raffica o non vi ho nemmeno preso di striscio?
omino_lego_spara_GAS

Ma allora, il CAMBIAMENTO, ha per forza di cose la necessità di usare le stesse armi del sistema che vuole cambiare???
Per oggi basta, depongo le pistole, ma non sconfitto.
Non sconfitto perché, per fortuna, qualche cosa di concreto da proporvi ce l’ho.

Primo, scegliete un giorno qualsiasi da qui al 29 agosto, per andare alla festa di Radio Onda d’Urto, ma andateci. È un modo per contribuire a creare quella “visione diversa” di cui sentiamo il bisogno. Inoltre sappiate che anche lì c’è un piccolo pezzo della nostra Associazione verso il DES, nello spazio chiamato “La tana di Zanzanù” gestito dal Collettivo Gardesano Autonomo, nel quale troverete spiedini di frutta biologica, composti in buona parte con prodotti del basso Garda.

Secondo, partecipate alla assemblea del coordinamento NOTAV BS-VR del prossimo 2 settembre a San Martino della Battaglia.

Terzo, andate a sentire l’incontro sul TTIP che si terrà il prossimo 7 settembre all’Arci Virgilio di Mantova.

E ultimo: finalmente, la prossima settimana tornano le cassette.
Voi tutto PDOisti orfani di ortaggi del territorio, potrete tornare a sollazzarvene!

BUON CAMBIAMENTO E TANTI ORTAGGI BUONI PER TUTTI!

Annunci

Lascia un'idea per il basso Garda (in 140 caratteri!)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...