Pezzo di carta del 18 febbraio 2015

Piccola Distribuzione Organizzata del basso Garda – Pezzo di Carta del 18 febbraio 2015

Oggi voglio parlare di EXPO.

Si, quel fantasmagorico evento mondiale che si terrà da maggio ad un centinaio di Km di distanza dal nostro territorio e che avrà per tema centrale l’alimentazione.

“Per sei mesi Milano diventerà una vetrina mondiale in cui i Paesi mostreranno il meglio delle proprie tecnologie per dare una risposta concreta a un’esigenza vitale: riuscire a garantire cibo sano, sicuro e sufficiente per tutti i popoli, nel rispetto del Pianeta e dei suoi equilibri. Un’area espositiva di 1,1 milioni di metri quadri, più di 140 Paesi e Organizzazioni internazionali coinvolti, oltre 20 milioni di visitatori attesi. Sono questi i numeri dell’evento internazionale più importante che si terrà nel nostro Paese. Expo Milano 2015 sarà la piattaforma di un confronto di idee e soluzioni condivise sul tema dell’alimentazione, stimolerà la creatività dei Paesi e promuoverà le innovazioni per un futuro sostenibile.

Chi legge questo slogan sul sito ufficiale di Expo e proviene da Marte, potrebbe pensare che sul pianeta Terra l’agricoltura non sia sviluppata e che non ci siano macchine per aumentarne la produttività. Potrebbe credere che sulla Terra, a motivo della scarsità del cibo, il suolo fertile venga considerato da tutti e in ogni luogo un bene preziosissimo. Potrebbe anche pensare che i poveri terrestri, privi di imprese di trasformazione e conservazione del cibo, siano costretti a mangiare cibi di dubbia salubrità. Oppure ancora potrebbe considerare che l’agricoltura si sia sviluppata solo in alcune zone del pianeta e, nella impossibilità di trasportare il cibo dove ve ne sia carenza, vi possano essere intere popolazioni che vivano di stenti e quindi il decesso per fame possa essere una delle cause di morte.

Al cittadino del pianeta terra di medie capacità intellettive che dovesse ribattere alle osservazioni del’extra terrestre, non resterebbe che confermare l’ultima congettura come l’unica azzeccata.

Magari questo cittadino potrebbe anche spiegare al marziano che, in realtà, la lavorazione del cibo sulla terra ha raggiunto tali punte di eccelsa tecnologia da produrre cibi così sofisticati da risultare dannosi per la salute e in quantità talmente smodate da potersi permettere che larga parte finisca nei rifiuti invece che nella bocca di chi ha fame.
Potrebbe arrivare a confessargli che, certamente il suolo fertile è considerato prezioso, ma non a tal punto di dover rinunciare a ricoprilo di cemento quando ne capita l’opportunità.

Purtroppo a noi poveri cittadini di media capacità intellettiva non resta che prendere atto di quanto il mondo sia pieno di extra terresti.
Per fortuna di cittadini di media capacità intellettiva ce ne sono e non rinunciano a cercare di spiegare come stanno le cose a quelli che, se proprio non sono di Marte, quantomeno sembra che vivano su un pianeta diverso dalla Terra.

Molti di questi cittadini fanno parte di Associazioni e movimenti locali e nazionali e molti di essi sono dei gasisti.
Ma quindi il mondo dei GAS come si schiera rispetto ad EXPO?

Oggi il pezzo di carta della PDO del basso Garda è nella vostra cassetta affinché gli echi del dibattito che da qualche settimana a questa parte si è innescato nella RES italiana, arrivi a tutti i gasisti del territorio.

Questa eco è necessaria perché, per tutti gli extra terresti di cui sopra, non sentire voci contrarie significa consenso.

La RES nazionale sta predisponendo un documento di sintesi che, evidenziando tutte le contraddizioni che stanno alla base di EXPO Milano 2015, manifesti la contrarietà del mondo dei GAS alla impostazione che è stata data all’evento internazionale.

Su vari territori, a macchia di leopardo, i GAS si stanno muovendo, unitamente ad altri movimenti ed associazioni, per organizzare manifestazioni ed eventi finalizzati ad accendere i riflettori sulle, peraltro già eclatanti, contraddizioni dell’EXPO milanese.

Concludo con l’annuncio che, allorquando verranno richieste le adesioni al documento unitario della RES italiana, la Associazione verso il DES basso Garda lo sottoscriverà senza indugi.

(QUI una prima stesura, non ancora definitiva, del documento)

Nel frattempo ogni contributo che vorrete dare alla discussione, non potrà che arricchirla.

TANTI ORTAGGI BUONI PER TUTTI

Annunci

Lascia un'idea per il basso Garda (in 140 caratteri!)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...