Pezzo di carta del 22 ottobre 2014

Piccola Distribuzione Organizzata del basso Garda – Pezzo di Carta del 22 Ottobre 2014

Nell’attesa che questo clima pazzerello si allinei alla stagione in cui siamo (sembra che manchi poco), oggi voglio fare un po’ di terrorismo mediatico. Per quanto terrorista possa essere un pezzo di carta infilato tra le foglie umide di un cespo di insalata.

La notizia è trapelata solamente tra gli adepti del Tavolo RES (a qualche cosa, insomma, serve ‘sto Tavolo…). Un GAS di Lecco, il mese scorso è stato oggetto di una visita fiscale da parte della Guardia di Finanza (potranno essere ricordati come il primo GAS in Italia ad averla subita…). Il GAS la Sporta, così si chiama, è una Associazione di promozione sociale che da qualche tempo ha avviato un progetto di Piccola Distribuzione Organizzata nel proprio territorio.

Pare che la Guardia di Finanza abbia comminato una sanzione abbastanza pesante contestando la mancata tenuta di alcuni registri contabili, l’applicazione di una “margine” sui prezzi pagati dai soci che acquistano i prodotti, la partecipazione agli acquisti di soggetti non ancora iscritti nel libro soci.

Pare, inoltre, che il commercialista che segue questo GAS abbia consigliato di “patteggiare” la sanzione senza fare alcun ricorso. Tuttavia, ad oggi non si hanno ancora informazioni di maggior dettaglio, gli amici della Sporta hanno detto che non appena possibile ci terranno aggiornati sugli sviluppi.
Nell’ambiente si continua a sperare che non si crei “un precedente“.

Abbiamo fatto un rapido esame della nostra situazione e il nostro punto debole potrebbe essere il fatto che vi sono persone che effettuano gli ordini senza essere in regola con il versamento della quota associativa. Per questo motivo si INVITANO CALDAMENTE i PDOisti in tale situazione a regolarizzare la propria posizione in tempi molto stretti.

Con l’ordine della prossima settimana si provvederà a congelare gli account su GASaperto di coloro che non risultano sul libro soci della Associazione verso il DES basso Garda.Vi siete spaventati vero?

E nel vostro GAS di paese come pensate di fronteggiare la situazione dei pagamenti ai fornitori, quelli di un importo tale che potrebbe “dare nell’occhio” ad un finanziere? Crediamo che la strada sia quella che abbiamo intrapreso con la Associazione: aprire un conto in Banca Etica e fare in modo che tutti i pagamenti del GAS transitino su questo conto.

A proposito di BE, sapete che gli amici del GAS di Polpenazze hanno organizzato un interessante incontro per conoscerla meglio?
Presso la Sala Consiliare di Moniga del Garda, venerdì 7 novembre alle ore 20.30, a breve il volantino dell’iniziativa sul nostro blog!

BUON CAMBIAMENTO, E TANTI ORTAGGI BUONI PER TUTTI.

Annunci

Lascia un'idea per il basso Garda (in 140 caratteri!)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...