Pezzo di carta del 17 settembre 2014

Piccola Distribuzione Organizzata del basso Garda – Pezzo di Carta del 17 settembre 2014

Vi ricordate quando, in quell’oramai lontano 23 ottobre 2013, parlammo sul pezzo di carta del Programma Nazionale di Prevenzione dei Rifiuti?

Ma sì, dai, trattasi di una norma in cui erano citati i GAS come strumento attraverso il quale fare prevenzione della produzione di rifiuti.

Bene, con i tempi consueti dei nostri organi di governo, trascorso quasi un anno, lo scorso 10 settembre si è ufficialmente insediato il “Comitato tecnico scientifico” per l’implementazione e lo sviluppo del Programma, nominato dal Ministro dell’ambiente lo scorso mese di luglio.

Il Comitato, che resterà in carica fino al 2017, si occuperà di supportare il Ministero dell’ambiente nell’analisi e lo studio di soluzioni utili all’attuazione e l’implementazione del Programma nazionale di riduzione dei rifiuti. L’organo tecnico sarà una sorta di collegamento tra il territorio italiano e il Ministro, così che egli possa relazionare al Governo e al Parlamento.

Questi sono i componenti: Andrea Segrè (Università di Bologna) presidente dell’Organismo, Roberto Cavallo (amministratore delegato Erica società cooperativa), è il vicepresidente; gli altri componenti sono Mario Grosso (Politecnico di Milano), Valentina Cipriano (Federambiente) e Isarema Cioni (Regione Marche); di questi ultimi tre poco posso dire, alcune info le si trovano su internette, mentre il presidente e il suo vice mi sembrano figure di tutto rispetto e che potrebbero facilmente accogliere delle istanze da parte del mondo dei GAS.

Andrea Segré è noto per le campagne contro lo spreco del cibo (promotore e presidente di Last Minute Market), è autore di vari libri sul tema; Roberto Cavallo, attraverso la sua cooperativa, è stato consulente di varie amministrazioni che hanno intrapreso il percorso verso rifiuti zero, tema sul quale ha prodotto varie pubblicazioni. Ha portato in giro per l’Italia un monologo teatrale diventato successivamente libro: “Meno 100 chili”,

Cosa aspettiamo allora a fare a nostra volta azione di supporto per il Comitato Tecnico Scientifico, aiutandolo a trovare proposte nell’ambito della Misura III del paragrafo 6.1 del Programma (azione di promozione dei GAS)?

 

Su quest’altro lato del pezzo di carta voglio farmi del male e parlare un po’ della festa GASsata.

165 associati, 741 ore di volontariato, 21 visualizzazioni giornaliere di media su ciscappailgarda.wordpress.com, 1935 cassette al 31 agosto, 50.000 € di spesa, 94 visualizzazioni dagli Stati Uniti, 63 dalla Germania e 42 dal Regno Unito, 2.292 € di rimborsi spese, 10 GAS, una settantina di presenze alla Festa GASsata, 190 visualizzazioni del Regolamento PDO basso Garda, oltre 700 letture alle storie dei produttori, circa 20 litri di acqua del rubinetto, 22 bottiglie di birra, 4 di guaranito, 6 di vino più un sorso di grappa Soratina, 42 visite al blog partite dal sito di Slow Food, 3 cucchiai e un cavatappi smarriti al termine della festa, 2 ospiti molto graditi (quelli di Aequos!), 8 GAS e 4 produttori presenti alla Festa (e gli altri!?), mezzo chilo di scoramento a testa (già digerito), 4 buoni propositi e altrettanti cattivi, 03648600983 (la partita IVA!), un Commercialista, qualche cosa di rosso, adesso basta perché più di così non posso. E i rinnovi delle tessere? E la approvazione del nuovo Regolamento? Qualcuno ha fatto delle foto? Grazie Nadia per avere pulito il salone!

Quando arrivano i pacchi?
Ci vogliono delle novità!
Autocritica ….
Dove siete finiti tutti?
Aiuto! …Ora mi strappo!

BUON CAMBIAMENTO, E TANTI ORTAGGI BUONI PER TUTTI.

Annunci

3 thoughts on “Pezzo di carta del 17 settembre 2014

  1. Ho visto che sono stati inseriti in ordine alcuni prodotti della IRIS.
    Si era parlato di pacchi chiusi e pronti, non di pezzi sfusi, come farine, pacchi di semi, barattoli di pomodoro ecc. Abbiamo pensato a cosa comporta tutto questo, in termini di tempo, per chi prepara le cassette? Oppure si pensa di fare un pacco unico per un Gas e poi lo smistamento dei singoli pezzi viene fatto dal referente? (il che comunque comporta un lavoro aggiuntivo per il referente della Pdo del singolo gas).
    Ale.
    Ps: non ho avuto notizie di Franco, ma probabilmente è perchè nessuno ha letto il commento precedente.

  2. Purtroppo è la realtà e dobbiamo imparare a vederla. Forse nonostante tutti gli sforzi che hai elencato non riusciamo ancora a capire perché il progetto non ha preso la giusta direzione. Non ci sono nuovi aderenti, troppo poche le cassette, dei produttori a parte qualcuno chi veramente ci sta credendo? Si rendono conto che stiamo lavorando anche per loro? Oppure non cambia nulla se ci siamo o meno?
    Propongo di sospendere tutto per due settimane e vedere se cambia qualcosa per qualcuno, se qualcuno si fa sentire.
    A proposito, come sta Franco? Sarebbe importante sapere se è migliorato.
    Grazie
    Alessandro

Lascia un'idea per il basso Garda (in 140 caratteri!)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...