Pezzo di carta del 23 aprile 2014

Piccola Distribuzione Organizzata del basso Garda –Pezzo di carta del 23 Aprile 2014

La nuova frontiera dell’impresa diffusa.
Noi, come altri, ci stiamo già provando. Siamo degli sperimentatori.
È necessario essere proattivi per il cambiamento, cioè essere creativi, propositivi e attivi, in luogo di spettatori inermi in attesa dell’evoluzione degli eventi.

Non dico che con la PDO si sia arrivati ad un punto morto, ma certamente si è arrivati ad un punto di stasi. Il livello di coinvolgimento dei GAS è arrivato, appunto, al livello GAS.
Occorrono degli scossoni, dei tentativi creativi e collettivi di introdurre delle novità.

Ecco allora che si cercano contaminazioni con territori vicini, dai quali importare gli asparagi o le mele, ed ecco che si tenta di trasformare la nostra impresa diffusa da attività informale, protetta in una nicchia di gasisti, in una impresa formale, vascello da dare alle acque dell’economia di mercato.

Il ruolo del Distretto, quale incubatore, fatto di consumatori convinti e proattivi, e di produttori partecipi, non può venire meno. Per questo l’appello è sempre quello della partecipazione.

La direzione è oramai tracciata, ma il percorso è da fare assieme, la forma individuata è al momento quella cooperativistica, fatevi le ossa dicendo la vostra (fatelo commentando questo post!) o semplicemente approfondendo le riflessioni sull’impresa diffusa sul sito dell’incontro nazionale dell’economia solidale (http://incontronazionale.economiasolidale.net/elenco-schede).

Come Associazione verso il DES basso Garda manteniamo l’impegno statutario a diffondere i principi dell’Economia Solidale. C’è un grande bisogno di comunicare i concetti alla base del modello economico cui ambiamo. E di comunicare le esperienze.

Per questo come aderenti alla Associazione Co-Energia, nella assemblea dello scorso 12 aprile al condominio Ecosol di Fidenza, abbiamo appoggiato la proposta di utilizzare parte del fondo di solidarietà maturato dalla convenzione con Trenta, per un progetto di comunicazione a livello nazionale. Attraverso il coinvolgimento di una o più persone retribuite, lo scopo sarà tanto quello di diffondere la convenzione, in modo che vengano sottoscritti sempre più contratti per energia 100% rinnovabile e solidale, quanto quello di veicolare il concetto di Economia Solidale:

non fare da soli quelli che si può fare insieme.

A proposito, chi legge e non ha ancora fatto il contratto con Trenta, cosa aspetta ad andare sul sito di Co-Energia e seguire la procedura per sottoscriverlo?

Per questo abbiamo voluto essere presenti anche quest’anno all’oramai imminente Festival dell’Agricultura di Desenzano del Garda (9-11 maggio prossimi) – http://www.agriculturafestival.it/

Pensiamo di portare un contributo importante e significativo grazie alla presenza di personaggi di spicco che ci parleranno del nostro bene primario Terra.

State sintonizzati per gli aggiornamenti sui contenuti! (clicca sotto su FOLLOW !)

BUON CAMBIAMENTO, E TANTI ORTAGGI BUONI PER TUTTI.

Annunci

One thought on “Pezzo di carta del 23 aprile 2014

  1. Concordo pienamente. L’impresa diffusa è una via da sperimentare …se vogliamo che una nuova economia, l’altra economia, esca dalla sua nicchia e venga diffusa e considerata da gruppi sempre più ampi di popolazione, trovi le forme migliori per espletarsi, venga promossa e incentivata dalle strutture pubbliche, la strada è quella che hai indicato. Comunicare, fare conoscere, contaminare, coinvolgere…. Ma scrivo per dire che non parlerei di punto morto o stasi della PDO. Piuttosto di completamento di un primo percorso. Spesso la soddisfazione di essere riusciti a raggiungere alcuni obiettivi è meno forte del senso di vuoto che può lasciare il venir meno della spinta emotiva e non solo che ci ha permesso di raggiungerli. Ci si sente un po’ tristi. In realtà si sperimenta uno stato d’animo di attesa, pausa ….
    Per dire che questi non sono affatto punti morti, ma punti di snodo, altre strade si aprono e questa è la meraviglia dell’ essere uomo…il sapere andare avanti, inventando qualcosa di ancora più bello, utile, in una continua crescita che non ha fine. Noi del DES siamo fortunati, abbiamo un ottimo capofila…..che ci sprona a guardare avanti

Lascia un'idea per il basso Garda (in 140 caratteri!)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...