Pezzo di carta del 5 giugno

Penso che chi mi scrive sia, in queste ultime settimane, influenzato dalla lettura di Pasolini. Mi leggo infatti addosso, e me ne scuso a suo nome, anche se non ne ho alcuna colpa, frasi critiche nei confronti di quella che PPP chiamerebbe “borghesia”. Perdonatemi anche la parolaccia oramai desueta: forse a metà degli anni ’70 aveva ancora un senso, costituiva per molti un punto di arrivo. Negli anni ’80 e 90’ è stata sostituita da “imborghesito”. Oggi non saprei che termine usare, forse quello che potete cogliere nel testo che segue:

Ci sono persone che non credono in niente fin dalla nascita. Ciò non toglie che tali persone agiscano, facciano qualcosa della loro vita, si occupino di qualcosa, producano qualcosa. Altre persone invece hanno il vizio di credere: i doveri si concretizzano davanti ai loro occhi in ideali da realizzare. Se un bel giorno costoro non credono più – magari piano piano, attraverso una serie successiva, logica o magari anche illogica, di disillusioni – ecco che riscoprono il ‘nulla’ che per altri è stato sempre, invece, così naturale.” *

Sono solo un pezzo di carta, eppure mi piace pensare che il processo di disillusione sia reversibile, per entrambe le categorie delineate con ricercata filosofia dal nostro Pier Paolo Pasolini: si tratta di tornare a credere.

Sabato scorso a Padenghe sul Garda c’è stata, nella mattinata, la presentazione della convenzione CO-Energia – Trenta Spa, per la fornitura di energia elettrica 100% pulita e solidale.
Nel pomeriggio invece si è tenuta la assemblea di CO-Energia. Erano presenti i rappresentanti del DES Brianza, del DES Parma, del DES Bologna, del DES Varese, del DES basso Garda, oltre che il presidente della Cooperativa Retenergie.
Mi dicono, al riguardo, di riportare solo la cosa più significativa; mi hanno lasciato, diciamo così, “pezzo di carta bianca”. Allora, visto che lo spazio è poco, io vi riporto molto banalmente lo slogan che CO-Energia ha scelto per promuovere la convenzione:
“Non fare da soli ciò che possiamo fare assieme”.
Ovviamente non è così banale, c’è dentro tutto il significato del termine solidale che abbiamo scelto entrando in un GAS o intraprendendo il percorso verso il DES!

Vi ricordo che il cambio di fornitore per l’energia elettrica è un passaggio assolutamente indolore e per di più molto semplice, si può fare tutto da casa con un computer e una connessione internette!

Andate su http://www.co-energia.org … Buoni ortaggi a tutti!

* Pier Paolo Pasolini – Petrolio – appunto 84

Annunci

One thought on “Pezzo di carta del 5 giugno

  1. Confermo. Un paio di noi l’hanno fatto qualche mese fa senza riscontrare alcun problema. Per chi volesse saggiare posso mandare la bolletta da “studiare”.

Lascia un'idea per il basso Garda (in 140 caratteri!)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...